SOTA TUSCANY CHALLENGE

Un pò di storia

La mia storia radiantistica è simile a quella di molti altri amici OM.

Ho conseguito l’autorizzazione ministeriale molti anni fa, ma non sono praticamente mai stato attivo i fino a quando ho scoperto il programma SOTA che mi ha permesso di abbinare due passioni: escursionismo e radio.

Premessa

Dopo le prime attivazioni necessarie per prendere confidenza, sia con le attrezzature che con le tecniche operative, mi sono reso conto che ero diventato abbastanza costante nelle uscite il che significava che questa attività mi stava realmente piacendo.

Nell’ottobre 2022 IW0HK Andrea diventa AM (Association Manager) per l’Italia e fin da subito propone la creazione di una struttura di Regional Manager che lo possano supportare nella gestione del programma SOTA in Italia.

Per la Toscana - la mia regione - Andrea mi propone il ruolo di RM che accetto con molto piacere.

Finalità di un esperimento

Lo spirito iniziale è quello di coinvolgere il maggior numero di OM possibile nell’attività SOTA e lo scopo è quello di sperimentare qualcosa che sia facile da implementare e snello nella gestione.

Quello che mi è sempre piaciuto nelle attività sportive (sempre non agonistiche) che ho svolto in passato è stato aggiungere un pizzico di avventura per rendere più stimolante l’attività in questione. Niente di particolarmente estremo.

Anche nel SOTA mi sono creato nel tempo il mio personale “gioco nel gioco” e cioè attivare più cime NEW ONE (quindi mai attivate) possibile.

La prima bozza di idea di questa challenge l’ho presentata nel 2° incontro fra AM e Regional Manager italiani nell’aprile 2023.

Il mio desiderio è che questa challenge sia sotto l’ombrello del programma SOTA pertanto ho informato il MT (Management Team) dell’iniziativa e dopo un rapido scambio di email ho avuto l’approvazione di GM4TOE Barry , che ringrazio.

Aspetti operativi

Come strumento per comprendere come la challenge progredisce nel tempo era necessario sviluppare dei programmi software (scritti in Python ed open source) che leggendo il data base del SOTA o del SOTLAS recuperassero le informazioni di base per poter avere sempre aggiornate, in modo più o meno automatico, la situazione delle attivazioni delle cime in Toscana.

Sempre per praticità, almeno in questa prima fase, ho scelto di inserire le statistiche e la classifica all’interno del mio sito personale.

In questo modo l’ attivatore SOTA ha a disposizione uno strumento di facile consultazione per verificare la situazione generale della Challenge.

Le statistiche e la classifica sono raccolte in queste due pagine, che in genere aggiorno ogni settimana.

Nella pagina Statistiche sono presenti la :

  • Dashboard: Situazione Attivazioni
  • Elenco Storico “Primi Attivatori”

Nella pagina Ranking la situazione degli OM che hanno effettuato almeno un New One

=============================================

Regole del SOTA TUSCANY CHALLENGE

Obiettivo:

Incentivare l’attività SOTA nella regione Toscana.

Il focus è sulle cime NEW ONE (mai attivate).

Lo scopo è completare l’attivazione di tutte le 227 cime SOTA della Toscana.

Cime con caratteristiche particolari e Sicurezza

Da considerare che alcune cime SOTA si possono trovare in zone private o militari, aree protette (vedi Isola di Montecristo) in tal caso se non si riuscisse ad ottenere i relativi permessi andranno considerate come non attivabili.

Il tema sicurezza in questa attività deve essere sempre al primo posto per ogni attivatore (il quale è responsabile per se stesso), soprattutto per quelle cime che per raggiungerle prevedono percorsi tecnici (sentieri non segnati od esposti, ferrate, tecnica alpinistica).

Essere consapevoli delle proprie condizioni fisiche e competenze tecniche ed una buona programmazione di ogni uscita sono condizioni indispensabili per divertirsi.

Autorizzazione e Regolamento SOTA:

Questo programma è stato preventivamente concordato con IW0HK Andrea - SOTA Manager per l’Italia - ed in seguito presentato ed approvato dal Management Team (MT) del SOTA UK.

Le regole sono quelle del programma SOTA e questo è il Regolamento Generale tradotto in italiano

Award

Ad ogni OM che ha attivato o attiverà un numero multiplo di 5 cime SOTA della Toscana in modalità “New One” verrà spedito, se lo desidera, una toppa / patch come riconoscimento del traguardo raggiunto.

E’ possibile vedere la situazione dei Top Attivatori nella pagina Ranking.

Questa è la toppa per chi ha già raggiunto o raggiungerà in futuro i NewOne 5.

Al raggiungimento delle 10, 15 - e così via - verrà inviata la corrispondente toppa.

Provvederò ad inviare la toppa anche a coloro che hanno già raggiunto il traguardo dei NewOne 5

Tutto gratuitamente compreso le spese di spedizione.


=============================================

CONCLUSIONI

Come in tutti gli esperimenti è difficile stabilire a priori come si svilupperà questa piccola iniziativa.

Il mio proposito è quello di fare fare una analisi almeno trimestrale sull’andamento delle nuove attivazioni realizzando dei report che pubblicherò sul mio sito e nei Reflector del SOTA e del MQC (Mountain QRP Club).

E’ probabile che in corso d’opera dovrò apportare delle modifiche / integrazioni al programma per renderlo ancora più chiaro e fruibile.

Intanto riporto alcuni interessanti feedback da parte di alcuni amici, come ad esempio :

  • In considerazione anche degli aspetti di sicurezza alcune cime sarebbe bene affrontarle almeno in due o più persone e se queste partecipano al programma SOTA sarebbe altrettanto interessante (come credo sia consuetudine nelle spedizioni alpinistiche) che a tutti i partecipanti - che hanno fatto il minimo di 4 QSO - sia attribuito il New One per quella cima.

  • Per evitare sovrapposizioni nelle uscite potrebbe essere interessante creare una sorta di calendario dove si da evidenza della nostra intenzione di attivare una particolare cima. (IW5ARK Stefano)

E’ probabile che con il tempo altri feedback arriveranno da parte degli attivatori.

Tutti saranno sicuramente valutati, ma gestendo il programma almeno per il momento da solo, comprensibilmente i tempi di risposta e di eventuale implementazione potrebbero non essere immediati.

73 e buone attivazioni SOTA

IK5VYZ Claudio

Qui il link del post sul SOTA Reflector

2 Mi Piace

Ottima iniziativa !
Da copiare … :wink:

1 Mi Piace

Mi vedo citato…
Tutto condivisibile, a partire dalla sicurezza al primo posto. E a seguire, però, il sistema di “prenotazione” delle attivazioni. SI, perchè solo per un caso (un imprevisto dell’ultimo minuto) Claudio ed io non ci siamo ritrovati in vetta al Coloreta, oltretutto salendo uno da una parte e uno dall’altra. E, forse, non solo su quella vetta.
Per quanto riguarda l’eventuali problemi nell’assegnazione del new one a due o più nominativi di una “spedizione”, sinceramente preferirei essere un secondo operatore (o un terzo) rinunciando al new one evitando però, in qualche caso, di andare da solo. E penso ad esempio alle Apuane che, come ha scritto qualcuno “vogliono vedere l’uomo in faccia”.

73 de IW5ARK Stefano

1 Mi Piace

Ciao Stefano,

sull’argomento “a chi attribuire il New One in caso di multi operatore” un paio di settimane fa ho scritto questo thread sul reflector del SOTA New One with multiple operators - Awards - SOTA Reflector e la risposta di G4OIG è stata interessante.

In sostanza nello scenario multi operatore il SOTA database attribuisce un solo First Activator mentre SOTLAS ne evidenzia più di uno.
Il caso del SOTA database non credo sia una scelta di regolamento ma più di tipo tecnico informatico.

Personalmente paragonando una attivazione ad una ascesa alpinistica l’assegnazione del new one dovrebbe essere per tutti i componenti che raggiungono nello stesso momento la cima.

Per il discorso Apuane un pò le conosco anche io e sono d’accordo con te molto meglio farle in compagnia

1 Mi Piace

dimenticavo l’altro argomento importante che avevi evidenziato cioè per evitare sovrapposizioni nelle attivazioni (a meno che non siano concordate) sarebbe utile avere una strumento come dici te Stefano di “prenotazione”.

Sicuramente sono casi sporadici e magari anche piacevoli (significherebbe che c’è attività) , ma nel caso avere uno strumento per tenere sott’occhio la pianificazione della attivazioni soprattutto per i new one a mio parere sarebbe utile.

Ci studiamo

1 Mi Piace

Innanzitutto grazie per l’iniziativa Claudio.

Per la “prenotazione” delle cime non sono convinto sia una buona idea. Le poche volte che ho trovato colleghi nelle cime sono stati sempre piacevoli incontri, e mai è stato un problema operare condividendo lo spazio magari angusto di una cima.

Anzi, alla fine è sempre stata occasione di confronto e di scambio.

1 Mi Piace

Bella iniziativa, complimenti, sapere se nello stesso giorno ci sono altri operatori sulla cima sarebbe molto interessante sia per chi apprezzerebbe la cosa, sia per chi preferirebbe operare da solo su altra cima. Ben venga tale sistema, grazie per il tuo impegno Claudio!

2 Mi Piace

Nonostante ci sia chi, a torto e ingiustamente (?), mi considera un orso, e non solo per la taglia, lo scopo della prenotazione non era tanto evitare i contatti con i miei simili quanto ottimizzare le attivazioni.
E visto che sono fermamente convinto che non si finisce mai di imparare, ben vengano gli incontri e gli scambi di idee e opinioni! Solo che, conoscendomi, se l’argomento mi appassiona l’attivazione rischia di passare in seconda linea o addirittura di saltare.

1 Mi Piace

Sono d’accordo. Anche perchè pensa ad una persona di un’altra regione o peggio ancora uno straniero (cosa che mi è successa ieri scrivendo ad un amico tedesco che ha raggiunto 5 New One in Toscana al quale comunicavo l’invio della toppa, entusiasta ha detto che si sente motivato a tornare per fare altre New One) che pianifica l’attivazione (e sappiamo tutti che i New One a volte sono semplici, ma il più delle volte possono rivelarsi impegnativi) che scopre che la cima è stata attivata solo qualche giorno prima.

Non è così semplice ripianificare per loro un New One all’ultimo tuffo.

E’ anche vero che non c’è (ancora) tutta questa frenesia a fare i New One. Ma chissà cosa ci riserva il futuro :smiley:

Sono partiti i primi invii di Distintivi accompagnati da una lettera di ringraziamento.

I destinatari sono i primi 4 attivatori che hanno raggiunto almeno 5 NewOne sulle cime SOTA della Toscana.

E non sono 4 nomi a caso, ma radioamatori estremamente attivi e con esperienza nel panorama SOTA.

IK5MEL Antonio

I5EKX Alessandro

IK6BAK Eliseo

DL6GCA Armin

Come mai nessuno di questi attivatori ha caricato la propria attivazione anche sul SOTA Experiences?

1 Mi Piace

ciao Marco , si tratta di attivazioni fatte anche anni fa.
Sono gli OM che, dall’inizio del programma SOTA.UK ad oggi, hanno fatto almeno 5 new one in Toscana.

Potrebbe essere la risposta?

O più semplicemente non sono iscritti a MQC?

Complimenti a tutti e propongo una toppa doppia a colui che ha vinto un premio da “montanaro” pur definendosi “Uomo di scoglio”! :dolphin:

1 Mi Piace