Accordatore a T

Ancora accordatori?

E si… Mi piace costruire e sperimentare, in Roberto IK0BDO continua a decantare le lodi dell’accordatore a T e non posso non averlo provato.

Quindi, toroide in polvere di ferro di tipo due “abbastanza piccolo”, 32 spire di rame smaltato per 12 uH circa, un selettore a 12 posizioni trovato nel fondo di un cassetto e due condensatori polyvaricon che arrivano a 450 pF (condensatori e toroide acquistati dal G-QRP Club tramite il servizio per i loro soci)
IMG_20220908_113100

Adesso sono arrivato qui… Domani un rapido test, se mi da fiducia verrà con me in Valle d’Aosta questo fine settimana.

IMG_20220908_100310

1 Mi Piace

Ecco il “prodotto finito”:
IMG_20220909_172759
IMG_20220909_172753
(Notare il ruolo essenziale dello scotch carta).

Come funziona?
L’ho portato con me in Valle d’Aosta e l’ho utilizzato: Sono rimasto sorpreso dalla facilità e velocità con cui si trova l’accordo, le regolazioni sono intuitive e già ad orecchio si arriva ad una buona sintonia.
Tutt’altra cosa rispetto allo Z-match che avevo già realizzato: estremamente sensibile nella sintonia ma soprattutto “non intuitivo”.

Adesso devo “rimpicciolirlo” un po’, ma credo proprio rimarrà per lungo tempo nello zaino.

1 Mi Piace