DRES-VE014 Forte Verena - IU3QEZ/P (22/06/2024)

Forte Verena

 

Appuntamento annuale per me... Luogo facile da raggiungere, ma che comunque richiede un po' di impegno nel risalire le piste da sci (troppo lunga la carreggiabile che porta al forte).

La referenza è doppia, DRES e SOTA, ma non era mia intenzione oggi avere pileup, piuttosto volevo fare delle prove comparative tra due antenne ed anche prendere confidenza con la radio "nuova per me" (il KX2).

 

Il motivo delle prove comparative è che poco più di un mese uso quella che potrebbe essere definita una "NorCal Doublet" messa in verticale, quindi un dipolo non risonante, di circa 8 metri complessivi, alimentato al centro con una linea bilanciata (di misura sufficiente a poter scendere a terra con circa 45° dalla verticale in modo da non influire più di tanto nel dipolo stesso).

L'idea di base era avere una antenna che potesse lavorare dai 40 ai 10 metri, con un massimo di efficienza intorno ai 20 / 17 metri e un pattern di radiazione adatto al DX. La mia convinzione era che essendo i QSO in 40 metri normalmente a corto raggio "in qualche modo gli avrei fatti ugualmente".

Da quando ho fatto questa antenna all'incirca è anche iniziato questo periodo di propagazione post massimo solare, veramente difficile. Ho fatto attivazioni a zero QSO o con pochissimi QSO (due). A questo punto meglio dimenticare il DX e pensare a portare a casa la pelle (quindi l'attivazione :-) ). Pertanto primo step oggi era provare un confronto tra la doublet corta ed una long wire da 13 metri più contrappeso. Anche questa è una antenna compromesso, ma ero curioso di vedere come si comportava. Prossima volta proverò con un radiatore da oltre 20 metri.

Risultato: 40 metri molto silenziosi. Roberto IK0BDO/5 al ha cercato di darmi una mano con i riscontri antenne, con un vantaggio a favore della long wire, comunque non sufficiente (arrivavo 42 in una SDR svizzera).

Per il resto ho provato "il bello del CW". Mettersi in 14060 e chiamare CQ.  In breve addirittura 3 stazioni che si sovrapponevano!  i QSO sono stai molto, molto difficili con forte QSB e segnali infimi ma comunque sempre QSO QRP 2 QRP.

Ritornato in 40 metri ho provato qualche collegmento con gli amici di CW QRS. Con molta fatica un bel QSO con Tonino IK0TUJ eccelso operatore (guardatevi la sua pagina QRZ).

Tra test radio e antenna e QSO, passa in fretta più di un'ora. Il meteo cambia e mi accontento dei "4 buoni QSO". 

Giornata quindi positiva, di qualità e non di quantità, ma pur sempre in montagna! Molto soddisfatto anche del nuovo apparato... Formato eccezzionale da mettere nello zaino. Anche la funzione "walkie talkie" è molto comoda per QSO in SSB senza dover usare microfoni esterni.

 

Stazione:

  • KX2
  • Doublet verticale da 8 metri
  • Long wire da 13 metri
  • ATU interno all'apparato.

 

 

 


Questo è un argomento di discussione collegato all'originale su: https://www.mountainqrp.it/awards/show/?uid=dres_667984d270b10&guest=true

Ciao Simone, complimente per la tua continua voglia di sperimentare.
Anch’io per un po’ di tempo ho cullato l’idea di provare una Doublet NorCal, ma per la praticità non eccelsa nel setup in cima ai monti ho lasciato perdere.
Spezzo una lancia a favore della LW, nonostante non abbia l’ATU nell’apparato. Con un accordatore manuale da pochi euro autocostruito faccio dai 60 ai 10, senza nessun trasformatore, senza contrappeso e con 2 metri di coassiale.
Il filo è lungo 16 metri, ma funzionano praticamente tutte le misure, e una volta fatta un poco di esperienza, la risintonizzazione nel cambio banda prende pochi istanti, aspetto importante quando cacci S2S a ripetizione.
Quindi LW e verticale sono diventate le mie SOTAntenne. Anche la EFHW la trovo efficace, ma non flessibile come la LW, che anche nei DX si comporta bene.
Con la LW sono attivo in meno di 5 minuti, con canna Decathlon da poco più di 5 metri, montata a L rovesciata. Mai avuto bisogno di tiranti in 600 e passa attivazioni.
Quando sono stato in attivazione con un collega USA, lui ha usato una doublet…Ebbene io avevo già fatto una ventina di qso quando lui ha lanciato il primo CQ.
Fatte tutte le considerazioni, la LW per me me è l’antenna con il miglior rapporto prestazioni/praticità.
Buona giornata!

2 Mi Piace

Ciao Fabio,
mi confermi che non usi un balun 1 a 9 ma vai diretto a connettere antenna con accordatore?
Grazie
Ciao
Raffaele

Ciao a tutti,
ne approfitto per dire anche io la mia.
Ho inziato la mia attività con due EFHW, una lunga e una corta, basate sul progetto di HB9EAJ, confidando soprattutto nella non-necessità di accordatore e contrappeso. Peccato che, in qualche caso, cambiando le condizioni al contorno rispetto alla postazione utilizzata per la taratura, l’accordatore l’ho dovuto comunque utilizzare. E poi, triplo problema: le risonanze non sono (almeno per me) esattamente centrate, per le bande WARC devi giocare coi ponticelli delle bobine e gli 80m (utilizzo unicamente accademico) sono stretti come uno spillo.
Così, anche dietro suggerimento di Fabio IK2LEY, ho provato una LW, anche in questo caso in doppia configurazione, corta (circa 14m) e allungata (circa 21m). Mentre la versione corta si accorda tranquillamente collegata direttamente all’mAT-705, la versione lunga si accorda in qualche punto delle varie bande si, in altri no. Le cose vanno a posto con un balun 9:1 (calcoli confermati dalla pratica) ma, sempre su istigazione di Fabio, alla prossima uscita proverò invece ad utilizzare solo un accordatorino manuale che avevo fatto tempo fa e non ho mai avuto il coraggio di provare sul campo durante un’attivazione.
73 Stefano

Nota a margine:
oltre alla versione originale della EFHW, ne ho costruita un’altra con filo AWG24 e bobine su toroidi: guadagno in ingombro e lievissima perdita in peso. Da notare che, una volta effettuate tutte le tarature, ho protetto le bobine con Performix Liquid Tape. Risultato: la risonanza in 80m e in 60m si è abbassata. Rimosso il Liquid Tape quanto basta per rimisurare le bobine, quella con valore nominale di 110 uH, misurata 109.5 uH prima della verniciatura è risultata essere ora 112.3 uH.
Magari l’effetto è già noto: mi aspettavo una piccola variazione, ma non così: ci sono cascato in pieno.

Ciao,
io sono ignorante e lo ammetto. Ma non capisco come un pezzo di filo di 14 o 16 metri inserito dentro un accordatore senza massa possa accordarsi. In un accordatore vanno inseriti tutti e due i poli. Se inserisci solo quello dell’antenna a quell’altro cosa colleghi ?. Perchè un Balun ha il suo contrappeso. Mi spiegate meglio per favore ?
Grazie in anticipo

Si, confermo, semplice LC.

Ho usato questo schema, qualche spira in più sul toroide, senza SWR bridge

Ci vorrebbe un contrappeso, ma io non ho notato differenze, con o senza. Di sicuro lo faccio io con i 2 metri di cavo coax che uso, ma con 5 watt è tutto più semplice.

1 Mi Piace

Io utilizzo un accordatore con stile Fuchs e 21 metri di filo, stesso stile di IK2LEY, cioé non uso un accordatore per endfeed mezzonda, lo trovo scomodo. Quindi la mia é piú una LW che una EFHW.

Mi permette alla file di accordare sempre anche se cambiano le condizioni di terreno, geometria ecc ecc.

Quello di IK2LEY ha la classica conformazione a L che ho anche avuto ma il mio era realizzato malissimo ed aveva un sacco di piccoli e scarsi interruttori che aggiungevano capacitá non voluta.

Il fuchs lo trovate sul mio sito ma é piú complicato della versione a L

Io l’ho chiamato 1/2 onda tuner ma é scorretto forse sarebbe meglio dire quasi random wire.

La conformazione a L é semplicissima, se togliete dallo schema il misuratore di swr vi trovate solo due elementi da gestire.

Quindi sul connettore rosso ci metti filo mentre sul nero niente?
Ed accorda lo stesso ?

Si certo, lo so sembra elettricamente impossibile, ma considera che hai anche il cavo coassiale connesso, stray capacitance ecc ecc